Appartieni forse alla stragrande maggioranza della popolazione che non ama particolarmente la matematica? O forse a quell’altra percentuale che la sopporta perché ha capito che con la matematica si fanno cose utili nella vita. Quando eri bambino, una parte di te ha scelto se amare o odiare la matematica… riesci a ricordare il momento esatto in cui è successo? Magari ti sentivi semplicemente più portato per il genere umanistico. E se ti dicessi che matematica e psicologia hanno connessioni inaspettate e che sfruttando questa semplice metafora che ora ti spiegherò potresti capire qualcosa di te stesso? Qualcosa di profondo, che ha la possibilità di guarirti o ispirarti? Se ti ho incuriosito continua a leggere…

NUMERI COME CAMPI

Prima di mostrarti gli esercizi voglio inquadrare la connessione tra matematica e psicologia, se non hai tempo o questo non stuzzica il tuo interesse salta questo paragrafo.

Mentre alcuni pensano che un campo sia un pezzo di terra da coltivare 😆, in matematica come nello sport e n altre discipline la parola campo significa un luogo nel quale vi è un insieme comune di regole e comportamenti ben determinati. Ad esempio nel gioco del calcio i giocatori posso compiere determinate azioni e non altre e poi vi sono confini e strutture che stabiliscono limiti e possibilità in rapporto agli obiettivi.

Anche in matematica si utilizza il concetto di campo e in questo campo vi sono regole specifiche, le cui più semplici sono l’addizione e la sottrazione. Con l’addizione, aumentiamo la grandezza di un numero tramite quella di un altro sposandoci avanti nei valori positivi. Con la sottrazione facciamo il contrario: diminuiamo la grandezza di un numero e ci muoviamo al contrario rispetto a prima, nella direzione opposta. La moltiplicazione è una estensione del processo di addizione e così via.

In sostanza quindi:

I campi sono mondi in cui i processi si evolvono e all’interno dei quali possiamo muoverci rispettando determinate regole.

ANALOGIE CON LA PSICOLOGIA

Allo stesso modo potremmo dire che un campo numerico, come un campo di idee, è un campo di consapevolezza  in cui avvengono spostamenti di senso analoghi all’addizione, alla sottrazione ecc.

L’operazione di addizione è analoga al processo psicologico di amplificazione, con cui rendiamo più intense le esperienze. Possiamo infatti aggiungere, rinforzare, estendere, intensificare o allargare le esperienze vissute. Ognuno ha un suo metodo diverso per fare questo e intuitivamente tutti lo fanno più volte al giorno. Pensa ad esempio a come inconsapevolmente aumentiamo la paura per cose che non sono ancora avvenute attraverso la preoccupazione che somma tutta una serie di “sfighe” paradossali prima ancora che l’evento sia avvenuto e poi da subito notare l’effetto negativo che questo causa nelle persone. Ti capita mai? Allo stesso modo possiamo intensificare un sogno di qualcosa che sta per succedere ad esempio un incontro amoroso o il momento in cui ci godremo un momento di vacanza o di svago. Possiamo ad esempio rendere più grandi le immagini, aggiungere dettagli come suoni e profumi, aumentare i colori rendendoli più vivaci. Cosi facendo il nostro cervello crea nuove connessioni e ne rafforza altre esistenti. Naturalmente se alimentiamo pensieri positivi creiamo un futuro luminoso, se alimentiamo pensieri negativi di ansia e paura stiamo costruendo un campo psicologico minato.

Qualcuno potrebbe dire: Ma come faccio a controllarlo se questo accade senza che io me ne accorga in modo inconscio? Ti ricordo un presupposto fondamentale: Tu controlli la tua mente, i tuoi pensieri e quindi i tuoi risultati! Se prima non ne eri consapvole adesso lo sei e questo cambia tutto. Mentre vi sono pensieri che nascono da soli in noi, noi possiamo prenderne distanza attraverso la respirazione e la meditazione osservandoli con la consapevolezza che sono solo pensieri e non sono la nostra identità, dall’altra parte puoi trascorrere qualche minuto al giorno a costruire e generare pensieri positivi. Si chiama visualizzazione ed è lo strumento più importante per condizionare la tua mente inconscia, che lavora per immagini e simboli, ad attendersi e generare cose positive nel tuo futuro.

IL PETTEGOLEZZO TI IMPOVERISCE

L’operazione matematica di sottrazione è simile al processo psicologico di diminuire le cose, ovvero di “ridurre il valore” o l’intensità di una esperienza. Se ad esempio considerate inutile qualcosa stiamo sottraendo valore a questa esperienza.

Il concetto di negativo o di debito è nato in matematica solo dopo il 1400 quando qualcuno si è chiesto: cosa succede se sottraggo 7 da 5? I banchieri lo conoscono molto bene e sono spesso felici che tu utilizzi più soldi di quanti ne possiedi, così ti faranno pagare il debito 🤣.

Se spettegoli su qualcuno stai prendendo in prestito un aspetto della sua personalità che non possiedi a livello cosciente (o che magari in modo subdolo non puoi rimproverare a te stesso). In psicologia questa forma di prestito si chiama “proiezione”. Hai un blocco nel riconoscere che i suoi punti negativi ti appartengono, e allora spettegoli prendendo a prestito le sue qualità buone o cattive.

Se prendi coscienza della tua proiezione, si può dire che paghi il tuo debito e stai quindi accrescendo la tua personalità incrementando la tua identità.

PASSIAMO ALLA PRATICA

Ti invito ora a fare un esperimento su te stesso, lasciandoti sorprendere dalla consapevolezza che ne scaturirà: lascia adesso che la tua esperienza interiore, i tuoi sentimenti, i tuoi movimenti più strani ed imprevedibili o le immagini e personaggi dei tuoi sogni si elevino al quadrato. Prenditi un po di tempo e prova a fare quello che segue.

  1. TROVA UN LUOGO TRANQUILLO E SPEGNI IL CELLULARE (cosa succederebbe se, proprio mentre stai per avere la chiave di risoluzione di un problema che ti rattrista suonasse il cellulare riportandoti ala realtà? non rischiare, fidati)
  2. METTITI IN UNA POSIZIONE COMODA E INSPIRA PROFONDAMENTE CON IL NASO ED ESPIRA LENTAMENTE CON LA BOCCA
  3. RIMANI UN ISTANTE CONCENTRATO SUL TUO RESPIRO CHE ENTRA (fresco e luminoso) ED ESCE (caldo e di colore scuro)

EX1: CAMBIARE FORMA ED ELEVARSI AL QUADRATO

  • Inizia ora richiamando alla memoria un sogno recente o semplicemente lasciando che sia la tua mente a suggerirti una immagine, un personaggio, un oggetto o qualsiasi altra cosa.
  • Adesso pensa che questo personaggio/cosa sia la radice di un processo, il punto di inizio di qualcosa che si sta espandendo, che sta cambiando forma. Immagina di essere tu quel personaggio/cosa e lascialo elevarsi al quadrato. Di a te stesso che gli permetti di svilupparsi.
  • rimani così alcuni minuti a seguire l’evolversi dei tuoi pensieri
  • chiediti: che cosa ho imparato? che significato ha questa esperienza per me in questo momento della mia vita?

Hai preso parte ad una esperienza matematica di dreamwork sull’autoamplificazione, qualcosa di comune a un piccolo rito sciamanico.

EX2: TROVARE LA RADICE QUADRATA

Ora lavoreremo invece nella direzione opposta. Lavoreremo sulla radice quadrata di un’area della tua vita quotidiana dove sei molto spontaneo, molto energetico, molto creativo che potrebbe rappresentare il bambino che sei stato. Fare quindi la radice quadrata psicologica di una cosa significa scoprire la sua origine, risalire alla sorgente di una esperienza. Cercare la radice quadrata delle cose è una pratica davvero utile.

Come si fa? Parti sempre dai punti 1, 2 e 3 e poi riprendi da qui:

  • Pensa ad un ambito della tua vita su cui vorresti saperne di più. Prenditi un minuto per sentirlo veramente o rifletterci.
  • torna in un momento in cui lo hai vissuto intensamente, guarda quello che hanno visto i tuoi occhi, ascolta i suoni che erano presenti, le voci delle persone o quello che ti dicevi in quel preciso momento e lascia espandere dentro di te le emozioni che senti.
  • adesso mentre respiri e ti rilassi chiedi alla parte profonda i te di lasciare emergere dal profondo un simbolo, una immagine… la radice quadrata appunto, l’origine, la fonte.
  • Il simbolo che ti comparirà nella mente è la chiave di volta di questa esperienza.
  • Chiediti: che cosa ho imparato? che significato ha questa esperienza per me in questo momento della mia vita?

Questi due semplici esercizi hanno anche altri significati che la vostra mente inconscia utilizzerà per comunicare con quella razionale nel momento in cui siete pronti per questo e questa intuizione può aiutarvi o migliorarvi la vita.

Se ti è stato utile leggere l’articolo condividilo ora sul tuo social preferito oppure scrivimi un commento o un messaggio in privato per condividere con me qualcosa delle visioni che ti si sono manifestate. Quella immagini tanto sono criptate e solo tu puoi intendere il significato profondo che hanno per te.