Ecco le 10 cose sulla mente che pochi sanno (e che hanno cambiato la mia vita)

  1. Il cervello per tenerti al sicuro evita di farti desiderare nuove esperienze diverse da ciò che tu già fai. A poco a poco si diventa così metodici che la vita non è più una scoperta ma solo una infinita ripetizione di cose che già sai. Scegli sempre la stessa pizza, lo stesso ristorante, gli stessi generi di film, musica, libri, locali ecc. (se continui a ripetere le cose che già fai/sai/conosci hai smesso di scoprire la vita… tanto vale coricarti in una bara 🤪)
  2. Il cervello non conosce la differenza tra una realtà vividamente immaginata e una realmente esistita. Le conseguenze sono infinite e te ne parlerò molto presto su questo blog! 🤩
  3. Il cervello non ti fa mai cercare la verità ma piuttosto le conferme al pregiudizio che tu hai già precedentemente espresso su un certo argomento.
  4. La realtà non esiste, esiste soltanto una personale ipnosi che noi chiamiamo realtà. Ciò che è vero per te non lo è per la persona di una latra formazione e cultura. Ogni individuo percepisce la realtà in modo filtrato. Il filtri principali sono: le esperienze precedenti, la cultura, le credenze, i valori ecc.
  5. Che tu creda di farcela oppure no (in generale, in una impresa) avrai comunque ragione. La credenza condizionerà le tue scelte.
  6. Tutte le persone hanno una preferenza con la quale immettono dati nel cervello: alcune usano più le immagini, altre le parole, i suoni e la logica e altre ancora le emozioni e le sensazioni lente come la comodità. Questa preferenza porta con se diverse altre caratteristiche e suddivide l’umanità in tre categorie. Visivi, Auditivi o Acustici e Kinestetici (o Cinestesici). Questo filtra ulteriormente le informazioni che la persona riceve dall’esterno andando a costituire una rappresentazione interna che è quella a cui facciamo più spesso riferimento durante il nostro ragionamento).
  7. Il cervello forma un pregiudizio in meno di 6 secondi e poi tende a confermarlo, quindi è molto importante fare una buona prima impressione sulle persone. Non c’è una seconda opportunità per fare una buona “prima impressione”!
  8. Non è la tua parte razionale che fa le scelte nella tua vita ma la tua parte inconscia che prende le decisioni basandosi sul cervello rettile e limbico, la neocorteccia che invece è la parte più evoluta, quella che utilizzi per la logica … serve solo per giustificare la decisione già presa.
  9. In una comunicazione le parole incidono meno del 10% sulla persuasione, il restante 80% è linguaggio del corpo e linguaggio para-verbale (toni, timbri, volumi, pause). Su questo sto preparando un corso (stay tuned)!
  10. Il cervello usa spesso chiedersi in automatico il PERCHé delle cose. Questo inevitabilmente ti porta solo a guardare all’errore ancora più profondamente senza portarti di un passo verso la soluzione. Le domande più efficaci da porsi iniziano con COME. come posso fare a … In che modo posso… ecc. Il perchè è rivolto al passato, il come al futuro. E tu sei rivolto al passato o al futuro? perchè questo condiziona in modo importante i tuoi risultati.

Vuoi aggiungere qualche punto che la tua esperienza ti ha portato a maturare? scrivilo nei commenti.

Questo post ti ha incuriosito? Nei prossimi mesi ognuno di questi temi avrà un approfondimento.